In costruzione

5 pensieri su “L’arte della percezione

  1. Rosarita dice:

    sono felice di aver trovato un nagual qui in Italia; dopo vent’anni di studio di Castaneda, seguito da Florinda Donner Grau e Taisha Abelar, ho potuto completare il puzzle; è ora di mettere in pratica; grazie

  2. lorenzo dice:

    Marco vorrei porti una questione riguardante l’effetto degli schermi delle apparecchiature tecnologiche (Pc,smartphone,televisore, ecc..ecc…), se dal tuo punto di vista l’effetto NEFASTO è relativo al modo in cui diventiamo PASSIVI utilizzandoli, al modo in cui la nostra attenzione è incollata e risucchiata da questi supporti tecnologici, a come si fissa su di essi, oppure vi è anche semplicemente diciamo un interazione negativa diretta; cioè il solo fatto di averli di fronte ci rende più addormentati? Oppure è sempre COME li utilizziamo che ci rende più addormentati?

    Senza considerare poi gli aspetti legati all’intento che poniamo nell’utilizzo di tali apparecchiature, legato ad abitudini disfunzionali, nel colmare momenti di pausa, nell’imitazione dei gesti sostenuti dalla socialità, alla fine diventiamo schiavi di questi oggetti, tu come la Vedi?
    Grazie
    Un saluto

Rispondi a Marco Baston Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *